Author

Arianna Zanoni

Arianna Zanoni has 3 articles published.

Nata a Bergamo nel 1996 dopo aver vissuto cinque anni da studentessa fuori sede è tornata a casa ed ha intrapreso un percorso come stagista e-commerce Specialist presso Legami e come Contributor di News & Customer Experience. Appassionata di letteratura (in particolare di quella francese) si è trasferita a Milano presso il collegio di eccellenza Camplus Città Studi, lì ha potuto approfondire i suoi interessi e ha conseguito una laurea triennale in Lingue e Letterature Straniere all'Università Statale per poi proseguire il suo percorso in Lingue e Culture per la Cooperazione Internazionale presso il medesimo ateneo; si sta per laureare con una tesi sul linguaggio inclusivo in Francia. Si è avvicinata al mondo del Digital Marketing grazie ad un Master che le ha permesso di coniugare la sua vena umanistica con quella più commerciale: cerca la poesia ovunque.

IL PIACERE DI ASPETTARE (CHE LA PASTA SI CUOCIA)

Barilla e la playlist che esalta l’attesa

7 minuti o un’infinità? Quando si aspetta che la pasta cuocia, il tempo sembra non trascorrere mai. Barilla ha trovato la soluzione per rendere l’attesa più piacevole: è tutta questione di serotonina e dopamina!

Pochi giorni fa ha fatto la sua apparizione su Spotify la Playlist Timer firmata Barilla: è questa la strategia che il colosso della pasta italiana ha scelto per rispondere al dibattito – ormai da mesi in corso sui social – legato alla difficoltà di scovare il tempo di cottura sulle confezioni di pasta. Già altri brand si erano cimentati nell’impresa, ma questa volta non ci sono dubbi: la Playlist Timer ha sbaragliato la concorrenza in quanto ad originalità e a reazioni suscitate.

In breve: ad ognuno dei principali tipi di pasta Barilla è stato associato un brano la cui durata è la stessa del loro tempo di cottura. Il concept “cuoci la pasta a tempo di musica” parla chiaro: si buttano gli spaghetti, i fusilli o i maccheroni ad inizio canzone e li si scola al termine, nel frattempo ci si gode l’atmosfera.

@Barilla

Oltre ad aver ovviamente molto fatto parlare di sé, il connubio di musica e carboidrati si rivela vincente anche da un punto di vista biologico e psicologico. La pasta e la musica sono due antidepressivi naturali. La prima stimola la produzione di serotonina, una sostanza nota anche come “l’ormone del buonumore”, riconosciuta per le sue proprietà antistress; la seconda invece rilascia dopamina nel cervello, che incrementa il senso di benessere della persona. È così che l’attesa della cottura della pasta si trasforma in vero e proprio piacere… soprattutto per i nostri neuroni! Se poi a questa ricetta magica aggiungiamo che entrambe favoriscono una naturale regolazione del sonno e che sono fonte di prevenzione dalle malattie neurodegenerative, la Playlist Timer non può che apparirci come un toccasana.

Ma c’è di più.

La musica diventa così il preludio perfetto, vero strumento di sublimazione della pietanza che ci aspetta: essa accompagna i minuti dell’attesa e li riempie di valore. L’inizio della musica dà il “la” all’avventura della pasta. Grazie a questa playlist, pensata e dedicata a lei, l’attesa della cottura non è più solo “pregustare”, bensì “gustare” a tutti gli effetti; assaporare; godere, non soltanto del risultato, ma dell’intero percorso di preparazione.

Barilla non ci sta più solo dando una confezione di maccheroni o di linguine, ci sta offrendo un’esperienza: sensoriale, affettiva ed emotiva. Sappiamo tutti come i suoni, orecchiabili ed ascoltati a ripetizione siano in grado di rimanere impressi nella memoria anche per anni. Ad ogni riproduzione riviviamo un momento, rivediamo un’immagine, riproviamo un sentimento. È un po’ come la madeleine per Proust. La musica attiva la nostra memoria involontaria e ci riporta indietro nel tempo. È così che ogni volta che risentiremo le musiche della playlist, potremo rivivere l’esperienza della pasta, o meglio, tutte le esperienze della pasta: le farfalle al ragù della nonna, gli spaghetti alla carbonara alle quattro di notte dopo la discoteca; le prime linguine alle vongole nella casa nuova. Riassaporeremo i profumi dei sughi, rivedremo i colori delle tavole, risentiremo i rumori delle risate o semplicemente il suono dell’acqua che bolle. Ripenseremo a tante cose: tra queste, sicuramente anche a Barilla.

Insomma, non sappiamo se chi ha creato la Playlist Timer si fosse prefigurato tutto questo; quello di cui siamo certi è che, per un motivo o per l’altro, ascoltarla ci farà bene, e non solo perché non mangeremo mai più pasta scotta!

QUANDO LE PAROLE FANNO LA DIFFERENZA

Dal nostro inviato in un (bel) Customer Service

Vi siete mai chiesti che faccia abbia e cosa faccia nella vita chi risponde alle vostre domande nei form dedicati al Servizio Clienti sui vari siti online?

Io sì e quando, tra i diversi ruoli che mi hanno assegnato al lavoro mi hanno chiesto anche di gestire questo aspetto, mi sono finalmente data una risposta. A quel punto però la curiosità è diventata ancora maggiore: e i clienti che assisto tutti i giorni invece che faccia hanno?

Durante gli anni dell’università, per potermi concedere qualche vizio in più, ho lavorato come commessa in un negozio, abituandomi ad un tipo di relazione diretta con i clienti, immediata e di persona. Dal Customer Service mi aspettavo tutto il contrario, ma mi sbagliavo!

Innanzitutto anche qui si creano situazioni decisamente divertenti: ripenso per esempio a quel cliente terrorizzato perché al posto di “Torino” nell’indirizzo di spedizione aveva scritto “Tortino”.

Ma è anche molto di più.

È tutta questione di parole: mai come in questo caso sono proprio loro a fare la differenza. Sì perché la distanza, il non sapere chi ci risponderà rischia di farci dimenticare che dall’altra parte c’è una persona con dei bisogni e dei desideri. L’impegno che si pone nell’interpretarli può trasparire anche attraverso delle email, il cliente lo percepisce e le reazioni che ne conseguono hanno spesso dell’incredibile, dimostrazione del legame che queste parole sono in grado di intessere tra il brand e la propria customer base. Potrei argomentare ulteriormente fornendo l’esempio di Amazon che ha da sempre fatto del Servizio Clienti uno dei propri cavalli di battaglia, ma preferisco, per questa volta, cambiare prospettiva.

Circa un mesetto fa ci scrisse una signora per avere delle informazioni e dare dei consigli su alcuni prodotti; capire il tono attraverso delle mail con un numero limitato di caratteri non è sempre facile ed io, devo ammetterlo, il suo non l’avevo proprio compreso: inaspettatamente infatti quella che sembrava essere una semplice corrispondenza con una cliente più insistente delle altre, si è trasformata in un momento per me incredibilmente gratificante, non solo a livello lavorativo ma anche personale. Dopo una serie di messaggi in cui mi sono premurata di risolvere tutte le perplessità della signora, lei mi ha risposto qualcosa di simile a: “Carissima Arianna, lei è una persona deliziosa! Il suo nome è pura poesia. Mi scuso se mi sono permessa di darvi i miei suggerimenti, è stata per me anche un’occasione per parlare un po’”. Non so chi fosse questa donna, non conosco la sua vita e lei non conosce la mia, eppure è bastata qualche mail del Customer Service per far nascere in entrambe una sensazione di appagamento e benessere: ero riuscita a soddisfare i suoi bisogni, quelli da acquirente e quelli da persona.

Il Servizio Clienti è aiutare qualcuno a realizzare il proprio desiderio: che sia la bambina che vuole regalare ai suoi compagni di classe 25 righelli per il suo compleanno, ma online ne trova solo 11; oppure l’imprenditore che vuole ampliare il proprio catalogo e si propone per una partnership; o ancora la ragazza vegana felice di sapere che l’articolo che le hanno regalato è stato prodotto nel pieno rispetto degli animali.

Il Servizio Clienti è anche questo, è trasmettere i propri ideali attraverso piccole attenzioni che per qualcuno si rivelano essere grandi. Significa imparare a conoscere i propri clienti, le esigenze che hanno e dimostrargli che anche se a distanza, anche senza vedersi in faccia, quel rapporto di cura è reale. Sarà proprio questa cura poi a fidelizzare il cliente.

Dare una voce al brand, farlo comunicare, dargli vita va oltre il fornire delle semplici informazioni.

Insomma, ispirandoci a Cyrano de Bergerac potremmo definire il Servizio Clienti come “un apostrofo roseo tra una vendita e l’altra”?

 

PER FAVORE BASTA NEWSLETTER…ANZI NO!

Quella dell’Estetista Cinica non si può perdere!

Basta poco per fare la differenza, ce lo insegna l’Estetista Cinica: a partire dalle sue Newsletter.

Una newsletter empatica

“Arianna, ci manchi”

Non è il messaggio d’amore di qualche ammiratore, né una lettera della mia nipotina: è la newsletter dell’Estetista Cinica! Dopo qualche mese senza accedere al mio account personale Veralab questo è il messaggio che mi sono ritrovata nella posta, niente a che vedere con le solite call to action per convincermi a visitare il sito, solo una frase semplice, dolce, umana. Tre parole da un messaggio automatico sono riuscite non solo a strapparmi un sorriso, hanno fatto di più: mi hanno stupita. Ci stupiamo davanti ad un tramonto, ad un bel quadro, chi mai penserebbe di stupirsi di fronte ad una newsletter?

Una su mille ce la fa

Ammettiamolo: ogni giorno apriamo la mail e veniamo tartassati da newsletter tutte uguali che non leggeremo mai e che finiranno dritte nel cestino! Probabilmente ci eravamo iscritti per la percentuale di sconto sul primo acquisto o chissà, neanche ce lo ricordiamo più. In effetti il tempo è poco e le newsletter sono tante, anche volendo sarebbe impossibile leggerle tutte, eppure io quelle della Cinica non me le perdo mai!

La formula magica dell’Estetista Cinica

Ma cos’hanno di così speciale? Innanzitutto si distinguono nettamente dalle altre: non sono dei semplici aggiornamenti o degli inviti ad acquistare, sono dei discorsi. Ricordano vagamente una corrispondenza di altri tempi, leggendole ci si immagina Cristina (la Cinica) al computer mentre sorseggia un gin tonic (chi la conosce sa che è la sua passione) e pensa a cosa scrivere nella sua prossima newsletter. Forse è proprio questo il maggior valore aggiunto: l’umanità.

Non c’è un “oscuro copywriter” alle spalle, ma una persona, che ha scelto di trasformare uno strumento di marketing ormai abusato in un momento di cura da dedicare alle proprie Fagiane (è così che chiama le sue clienti).

Nessuna forzatura però, nelle newsletter dell’Estetista Cinica a prevalere è la trasparenza: “tu penserai che questa sia la solita mail automatica che le aziende mandano per il compleanno. In effetti in parte lo è.” Segue una GIF dal tono ironico e continua: “Ma solo in parte, perché questa l’ho scritta io (la Cinica) […] e qui vicino a me c’è Otto che sta scodinzolando per te.” Segue GIF della coda di Otto in fermento accanto ad un ginocchio avvolto negli inconfondibili pantaloni rosa dell’Estetista Cinica.

Impossibile non gradire dei simili auguri, anche se sì, sappiamo tutti che sono mail automatiche, ma non c’è bisogno di fingere che non lo siano, ci piacciono lo stesso, anzi di più. Ironia, semplicità e schiettezza, i tre tratti distintivi di Cristina Fogazzi, fondatrice del brand Veralab, si ritrovano anche all’interno delle sue newsletter, facendole apparire coerenti con il concept ed irresistibili. Queste diventano una fonte di intrattenimento, un modo efficace di creare un senso di community che forse in questo particolare momento è più necessario che mai.

Leggendo le sue newsletter non ci sentiamo clienti, ci sentiamo persone. Se poi si aggiunge qualche GIF e qualche battuta su Ryan Gosling e sulla cellulite il gioco è fatto: è proprio questa quotidianità che ci ingaggia.

Insomma nessun effetto speciale! Questo la rende speciale.

Go to Top