Tag archive

Milano

PASSEGGIANDO IN MONTENAPOLEONE

Nelle vetrine di Dolce e Gabbana ho trovato la sedia di Peguy

Sabato scorso, in una Milano che sta lentamente tornando alla normalità, percorrevo Via Montenapoleone quando la mia attenzione si è soffermata sulle due vetrine del negozio di Dolce e Gabbana.

Dietro ai manichini donna, vestiti con abiti ricercatamente eleganti nell’ormai consolidato stile barocco di questo brand, compaiono due grandi pannelli dentro ai quali sono visibili immagini mobili su un display. Viene graficamente rappresentato uno spaccato dell’attività che si svolge negli uffici dello showroom: si vedono addetti che lavorano alla scrivania, misurano e provano i capi ai clienti, trasportano la merce da un locale ad un altro, stirano, sistemano i tavoli e mettono ordine sugli stand. In una stanza sono raffigurati anche un gatto e un cane scodinzolante, presenze ormai frequenti anche nei luoghi di lavoro.

L’impatto sul passante coglie nel segno: si resta catturati dalle immagini che scorrono, raffiguranti il lavoro che si svolge nei diversi uffici, e ci si sente testimoni dell’intensa attività che ruota intorno ai capi che poi vengono esposti in vetrina sui manichini. Ognuno di essi, infatti, è frutto di un lavoro enorme, al quale contribuiscono tantissime persone, e i pannelli esposti in queste vetrine rendono perfettamente l’idea.

Questa splendida scenografia, costituita da persone dedite a realizzare con impegno il proprio lavoro, mi ha riportato alla mente un brano di Charles Peguy: «Un tempo gli operai non erano servi. Lavoravano. Coltivavano un onore, assoluto, come si addice a un onore. La gamba di una sedia doveva essere ben fatta. Era naturale, era inteso. Era un primato. Non occorreva che fosse ben fatta per il salario, o in modo proporzionale al salario. Non doveva essere ben fatta per il padrone, né per gli intenditori, né per i clienti del padrone. Doveva essere ben fatta di per sé, in sé, nella sua stessa natura. Una tradizione venuta, risalita dal profondo della razza, una storia, un assoluto, un onore esigevano che quella gamba di sedia fosse ben fatta. E ogni parte della sedia che non si vedeva era lavorata con la medesima perfezione delle parti che si vedevano. Secondo lo stesso principio delle cattedrali» (L’argent, 1913).

Il poeta e scrittore francese rimpiangeva i tempi in cui il lavoro era fonte di felicità, gli anni in cui lavorare non solo non era un peso, ma bensì dava gioia e speranza. Oggi più che mai, le sue parole ci richiamano alla necessità di tornare alle radici, perché solo una seria rivalorizzazione del lavoro può aiutarci ad uscire dalla crisi. In tal senso, le immagini nelle vetrine di Dolce e Gabbana mi sono apparse proprio come uno stimolo a rimettersi a lavorare, a festeggiare il lavoro, ad applaudire chi è impegnato nella propria attività, a tornare a sperare in un futuro positivo.

E’ lo stesso Peguy che ci aiuta a guardare con fiducia al futuro, lasciandoci, nella conclusione della sua opera, un atto di speranza per l’umanità: “Essa la spunterà ugualmente. Nonostante tutto. Andando oltre”. Perché c’è nello scorrere della vita qualcosa di misterioso che riesce a ricreare nell’umanità “soprattutto il buon umore, generale, costante, quel clima di buon umore, e quella felicità, quel clima di felicità”.

5 RAGAZZI VELOCI ALL’OPERA PER ME

Una visita da Five Guys Milano per scoprire se il brand saprà sorprenderci come avvenuto a Londra

Five Guys è una catena di Fast Casual “velocissimo” che è sbarcata in Italia a inizio settembre a Milano, in corso Vittorio Emanuele.

“Non ci sono congelatori nelle sedi di Five Guys, ma solo frigoriferi”

La value proposition è differenziata rispetto alle tipiche catene fast food come Mc Donald’s, Burger King o Subway. Five Guys infatti si posiziona in una fascia più elevata, promettendo carne sempre fresca, di qualità, e rigorosamente preparata al momento. I colori predominanti dello store sono il rosso ed il bianco, completati dalla completa assenza di divisioni dello spazio. Esso è in completa comunicazione con l’esterno grazie alle ampie vetrate e, cosa ancor più importante, la cucina è completamente alla vista dei clienti. Nonostante l’orario, le 14:30, il luogo è estremamente affollato: nessun posto a sedere libero e lunga coda (ma breve) in attesa del proprio pasto.

Semplicità ed interazione

La formula che Five Guys decide di proporre ai consumatori è molto semplice: poche varianti di hamburger/hot dog, personalizzabili con un’ampia varietà di contorni gratuiti. A scelta del cliente, è possibile accompagnare il proprio pasto con un refill illimitato delle bevande preferite.

Dopo aver effettuato l’ordine alla cassa si viene invitati ad attendere proprio di fronte al luogo della preparazione degli hamburger. Come evidenziato nel libro “Aspettando Starbucks” (clicca qui) Five Guys ha adottato la soluzione della cucina a vista e del totale coinvolgimento dello staff nell’esperienza del cliente. Dietro al bancone sono numerosissimi i ragazzi al lavoro, tutti rigorosamente in tenuta rossa, i quali procedono con un’organizzazione rigorosa e perfetta all’evasione degli ordini. Il tempo medio per ordine è infatti di circa 15 secondi. La breve attesa dà inoltre modo di distrarsi ed osservare due elementi importanti del locale. Appesi alle pareti ci sono infatti dei cartelli riportanti recensioni eccellenti sul locale a cura di testate giornalistiche e riviste, e “pezzi di storia” dell’hamburger, quali immagini ed estratti giornalistici.

Quello che manca invece, rispetto a quanto promesso dal sito web, sono delle indicazioni riguardo la freschezza, la qualità o l’origine degli ingredienti utilizzati. L’unico accenno è una piccola lavagnetta sulla quale viene indicata la provenienza geografica “del giorno” delle patatine.

Una volta terminata l’attesa ci viene servito il cartoccio con il nostro ordine, arricchito di un’ulteriore abbondante manciata di patatine, elemento molto apprezzato nonché inaspettato: questo è il piccolo/grande G.L.U.E. di Five Guys (clicca qui).

Consumando il pasto in loco si ha modo di essere immersi in un ambiente diverso da quello di un classico fast food. Ci colpisce la cura dei dettagli alle pareti e dell’arredamento del negozio, dominato da una montagna di scatole di bagigi poste al centro. Ogni elemento sembra voler insegnare qualcosa sulla “cultura” del panino al consumatore, che si perde nell’osservazione dei dettagli guidato da una forte musica che fa ricordare il tipico pub del film americano.

Giovanni Concini: https://www.linkedin.com/in/giovanni-concini-9a260a108/

TRA DUE, TUTTO IL MONDO – IL CASO DI PANINO GIUSTO

Panino Giusto sbarca nel cuore di Milano e, anche se la sua attività può ormai vantare più di trent’anni d’esperienza, il suo, oggi, sembra davvero un nuovo inizio.  Il nuovo locale apre in via Borgogna 5, a san Babila, nel centro di Milano. E ci arriva, proprio perché è veramente un marchio milanese – ha 15 locali tra città e hinterland  – che è riuscito a entrare nel cuore di ciò che Milano da sempre fa: mettere in risalto le eccellenze che arrivano da ogni parte del mondo.

panino giusto dentroAllo stesso modo si è anche comportato Panino Giusto. È riuscito a valorizzare al meglio il food italiano grazie al suo fast casual, unendo cioè alla qualità del prodotto e dei suoi ingredienti la velocità del servizio. Una delle loro ultime creazioni è “Tra i due”, un panino ideato dal grande chef Claudio Sadler.

Inoltre dal 2012 ha aperto un’Accademia, luogo che con formazione culinaria ospita anche appuntamenti culturali, oltre che la prima Biblioteca tematica sul panino.

Negli anni Panino Giusto è riuscito a espandere i suoi valori e le sue tradizioni aprendo locali in Giappone e sbarcando anche nella city londinese. Questa capacità di valorizzare quello che può andare tra due fette di pane è sempre stato per Milano sinonimo di internazionalizzazione. E la storia di Panino Giusto lo dimostra.

Go to Top