LINEAVERDE A NATALE: TRA FAVOLA E MAGIA

In provincia di Bergamo – proprio vicino ad uno dei più importanti scali aeroportuali italiani – esiste un negozio che ogni anno si trasforma in un incantato villaggio di Natale: per i bergamaschi (ma non solo per loro) visitarlo ogni Dicembre è ormai una vera e propria tradizione natalizia!

LineaVerde (questo è il nome di questo piccolo angolo di Lapponia) nel periodo che precede le festività stupisce i suoi clienti con allestimenti sfarzosissimi che cambiano di anno in anno e vende addobbi di ogni genere e per ogni gusto.

Durante il resto del tempo invece vengono esposti articoli di arredo per il giardino.

Naturalmente, da bergamasca DOC anche quest’anno non ho saltato il mio appuntamento e al primo giorno libero mi ci sono fiondata piena di curiosità per quello che mi avrebbe atteso questa volta… ammetto che le mie aspettative, anche a questo giro, non sono state deluse!

Entrando ci immergiamo in una nuvola, o meglio in un tunnel pieno di morbide nuvole di cotone e alberi bianchi in cui un candido Babbo Natale ci accoglie in compagnia di una serie di orsacchiotti in viaggio su una slitta dorata. Superato il tunnel, tre enormi orsacchiotti di peluche immersi da cascate di lucine ci danno il benvenuto nella zona espositiva.

Lo spazio è suddiviso in ambienti diversi caratterizzati da un colore e un tema dominante: all’inizio troviamo l’ala per i bambini con lucine colorate, tende da indiani, e alberi di natale decorati con colori pastello e soggetti come dinosauri, renne, ballerine (rigorosamente glitterate) e giostre che, difficile da credere per come l’ho descritto, ci appaiono decisamente natalizie! Quello che più mi colpisce maggiormente però è una enorme mezzaluna argentata, che, con i suoi cristalli cangianti la fa da padrona nella sala, dandoci davvero la sensazione di essere dentro una favola… magari quella dello schiaccianoci che vedo in lontananza?

Mi dirigo proprio in direzione di un grande schiaccianoci quando il mio occhio viene colpito da un ambiente questa volta prevalentemente rosso: in un angolo Babbo Natale è seduto accanto al camino e legge le letterine che i bambini gli hanno lasciato, alle sue spalle una enorme ghirlanda piena di lucine fa da sfondo ad un folto gruppo di elfi intenti ad aiutare il grande signore barbuto. Il clima qui è quello del Natale più classico, più familiare e forse anche più retrò, il calore dell’atmosfera ci fa sentire a casa e risveglia i miei ricordi di bambina: rivedo i Natali passati dalla mia nonna e le tradizioni da lei tramandate.

Improvvisamente, svoltando l’angolo, ci ritroviamo in una foresta: il colore dominante è il marrone caldo, gli alberi di Natale sono addobbati con decorazioni boschive come foglie e ghiande brillantinate che fanno da cornice ad una serie di casette di legno contornate da cervi fatti di legnetti ed altri elfi. Questo ambiente è sicuramente frutto di un’idea molto originale e, per quanto bizzarra, davvero d’effetto perché evoca la bellezza della natura.

Cambiando sala dal caldo del marrone passiamo ad un bianco ghiaccio: un ponte giapponese circondato da orsetti polari ci conduce ad un gazebo in ferro battuto bianco in cui ruota un enorme Babbo Natale. Indovinate? Ovviamente anche lui bianco. Cascate di palline simili a fiocchi di neve e lucine dalle tonalità freddissime danno quel tocco in più che ci fa davvero sentire in mezzo ai ghiacci!

In ultimo, non dimentichiamo di essere a Bergamo, l’albero di Natale dell’Atalanta (seppur discutibile, ammettiamolo) ovviamente non può mancare!

A fine tour ho il cuore pieno e gli occhi luccicanti, naturalmente tra le mani reggo anche un sacchettino con qualche decorazione nuova che non mi sono lasciata sfuggire nonostante la mia mente, in quel momento, fosse tutto fuorché concentrata sullo shopping.

LineaVerde è quel posto in cui assaporare la magia del Natale a tutte le età!

Nata a Bergamo nel 1996 dopo aver vissuto cinque anni da studentessa fuori sede è tornata a casa ed ha intrapreso un percorso come stagista e-commerce Specialist presso Legami e come Contributor di News & Customer Experience. Appassionata di letteratura (in particolare di quella francese) si è trasferita a Milano presso il collegio di eccellenza Camplus Città Studi, lì ha potuto approfondire i suoi interessi e ha conseguito una laurea triennale in Lingue e Letterature Straniere all'Università Statale per poi proseguire il suo percorso in Lingue e Culture per la Cooperazione Internazionale presso il medesimo ateneo; si sta per laureare con una tesi sul linguaggio inclusivo in Francia. Si è avvicinata al mondo del Digital Marketing grazie ad un Master che le ha permesso di coniugare la sua vena umanistica con quella più commerciale: cerca la poesia ovunque.

Latest from Latest

Go to Top