DAI PASSEGGINI ALLE DUE RUOTE

Una corrispondenza inaspettata

“Per entusiasmare occorre ispirarsi”: lo abbiamo detto chiaro a Expandere Liguria – “Si cresce solo per entusiasmo! Benvenuti nell’Era del Cliente”, evento di punta dell’associazione Compagnia delle Opere Liguria, organizzato in collaborazione con il magazine News & Customer Experience. Notizie, esempi, osservazioni, relazioni con gli altri… Qualsiasi tipo di contaminazione potrebbe portare con sé un dettaglio inaspettato, da cui scoprire qualcosa di nuovo sul mondo, sulla propria azienda e, perché no, su se stessi.

È successo così a Gianni Landro, IRC Components, eccellenza ligure specializzata in accessori per moto sportive, che ha raccolto con grande serietà e intraprendenza la sfida lanciata al termine di Expandere: trovare un GLUE. Il G.L.U.E., acronimo di “Giving Little Unexpected Extra”, è quel particolare, quell’extra inaspettato che, in linea con la promessa dell’azienda o del brand, entusiasma e incolla a sé il cliente (non a caso, “glue” in inglese significa colla).

L’ispirazione è arrivata subito, il mattino dopo, e non per caso! La lampadina si è accesa consultando il magazine online News & Customer Experience, citato proprio in occasione di Expandere. In quei giorni di fine settembre, sul sito del magazine, figurava come notizia principale la nuova campagna di Prenatal, “Forever Young”, un progetto di supervalutazione dell’usato che, senza scendere nei dettagli, consente ai clienti di restituire carrozzine, culle e seggiolini – prodotti normalmente utilizzati per brevi periodi – e ricevere in cambio un rimborso fino al 50% in gift card. Con questo sistema virtuoso, Prenatal cede al proprio cliente un valore reale, rivende sul mercato un usato praticamente come nuovo, aiuta economicamente nuove famiglie e, non da ultimo, contribuisce a un riciclo di prodotti, dimostrandosi un brand attento alla tutela ambientale.

Una soluzione geniale che Landro decide di studiare e impiegare nel proprio mercato, adattandola al brand IRC. “In pratica nella fase di vendita viene associato al prodotto un coupon che permette al cliente, entro i 2 anni dall’acquisto, di restituire il prodotto acquistato”, spiega Landro. “Comprando un nuovo prodotto IRC gli viene riconosciuto uno sconto del 40% sul listino. In questo modo il vantaggio è duplice: da un lato il cliente è invogliato ad aggiornare i prodotti, dall’altro i prodotti restituiti possono essere reimmessi sul mercato, con garanzia certificata valevole per ulteriori due anni (quindi, come nuovi) al 50% del proprio valore.” Una nuova modalità che supera il concetto di rottamazione: “Fra i miei competitors si usa fare così, ma secondo me dà l’idea di rivendere prodotti vecchi. Invece così facendo garantiamo prodotti durevoli e di buona qualità” conclude Landro.

Per prendere buone decisioni bisogna curare le proprie relazioni. Ricercare luoghi dove lavorare insieme – anche e soprattutto fra soggetti di diversi settori – crea un valore sorprendente di scoperta reciproca, conoscenza della realtà, consapevolezza di sé. Lo dimostra Gianni Landro, che dopo aver ascoltato l’esperienza di un’azienda completamente diversa dalla sua – e per settore, e per dimensioni – ha rivoluzionato un aspetto del proprio lavoro. Ma lo dimostrano altre centinaia di imprenditori che, a partire da una curiosità, una domanda, o dal desiderio di rendere felici i propri clienti, hanno cambiato (in meglio) il loro modo di fare impresa.

Genovese, classe 1993. Responsabile della comunicazione, dell’organizzazione degli eventi e del back-office presso la Compagnia delle Opere Liguria. Parla correntemente cinque lingue e studia per impararne una sesta, il giapponese. Dopo il Liceo linguistico consegue a pieni voti una Doppia Laurea in Comunicazione Interlinguistica Applicata, alla Scuola Superiore di Interpreti e Traduttori di Trieste e alla Katholieke Universiteit Leuven– Faculty of Arts di Anversa, con una tesi sulla linguistica contrastiva tra italiano e neerlandese. Ottiene poi un master online in Global marketing, comunicazione e Made in Italy. Nel 2017 conosce quasi per caso la Compagnia delle Opere, dove scopre il complesso e sorprendente mondo dell’impresa. Nel tempo libero studia, legge, si allena, corre, oppure indossa giacca, casco, protezioni ed esce in sella alla sua Bmw!

Latest from Insights & Innovation

E QUINDI!?

Della differenza fra manager e imprenditore e altro...
Go to Top