PAOLO COLOMBO E L’ABITO CHE FA IL MONACO

Paolo Colombo lavora da 10 anni in ambito commerciale per Michelin, diventando uno dei punti di riferimento per un nuovo progetto dell’azienda volto alla promozione e alla dinamizzazione delle vendite di pneumatici presso le concessionarie di auto.

Appassionato Juventino (segue la “sua” Juve ovunque), ha fatto suo il motto di Michelin: “Efficacia ed efficienza”. Alle quali gli piace aggiungere un tocco di stile ed eleganza: i contenuti, secondo Paolo, devono essere infatti supportati da una bella forma e un’immagine accattivante. Dal momento che per lui “l’abito fa il monaco”, oggi ci racconta la sua personale esperienza relativa a un acquisto effettuato negli ultimi mesi: un abito da cerimonia di David Naman per il matrimonio di un amico.

Questa intervista fa parte del progetto CX AND THE CITY

Come ha scoperto il brand e il luogo dove ha effettuato l’acquisto?

Ho scoperto il brand anni fa in un outlet e ha subito attirato la mia attenzione per quella sua vetrina molto elegante ma con uno stile giovane, “diverso”, molto dissociato dal contesto degli altri negozi di abbigliamento presenti. Qualche tempo dopo, per caso (e per fortuna!) ho trovato in un centro commerciale vicino a casa un suo punto vendita.

Nel decidere di acquistare quello specifico prodotto, lo ha confrontato con altro o lo ha scelto perché ha catturato la sua attenzione all’improvviso?

Quando ho avuto bisogno di comprare l’abito sono subito andato nel negozio di David Naman. Dopo averne provato uno che mi è subito piaciuto, però, ho preferito fare diversi confronti con altri brand, ma in cuor mio sapevo di aver già trovato quello che faceva per me!

Quale suo personale bisogno o quale suo desiderio il prodotto che ha acquistato prometteva di soddisfare?

Cercavo qualcosa di elegante e di classe, che mi facesse emergere e non mi facesse passare inosservato.

Quando e come ha acquistato il prodotto?

Ho acquistato l’abito un mese fa. Lo avevo provato ma non acquistato subito. Quando sono tornato in negozio, dopo i vari confronti con altri abiti di altri brand, la commessa, vedendomi arrivare, non mi ha chiesto nulla, ed è andata direttamente a prendere l’abito. Sapeva già quello che stavo cercando!

Il prodotto acquistato ha soddisfatto in pieno il bisogno iniziale per cui l’aveva comprato, magari superando addirittura ogni aspettativa?

Ha superato di gran lunga l’aspettativa: allo specchio ho visto quello che volevo vedere, ho visto quello che vorrei trasmettere di me. L’abito rispecchiava perfettamente quello di cui avevo bisogno, quasi come se fosse stato cucito apposta per me. Non vedo l’ora di sfoggiarlo al matrimonio del mio amico.

Un motivo per cui rifarebbe questo acquisto?

Perché una volta indossato e sfidato lo specchio, ho visto quello che vorrei trasmettere di me agli altri. Ho visto l’immagine di me che avevo nella mia testa.

Se il prodotto da lei acquistato fosse una città, quale città sarebbe?

Credo Londra, anche se non ci sono mai stato: è una città giovane, elegante, dinamica.. La città del business ma con stile.

Latest from Curiosity

NEXT EXPERIENCE

Il ristorante pluripremiato Next a Chicago fa vivere ai propri clienti esperienze
Go to Top